martedì 8 giugno 2010

Castelluccio di Norcia (Perugia)

La campagna di ieri, di oggi, di domani, che sta per esplodere con i suoi meravigliosi colori.

3 commenti:

  1. Castelluccio é veramente unico. Il paesaggio é magico e la fioritura, quando la stagione non é in ritardo, é uno spettacolo della natura. Le specie floreali che tingono il Piano Grande e il Piano Perduto sono innumerevoli: genzianelle,narcisi, violette, papaveri, ranuncoli, asfodeli,trifogli, acetoselle. Se oltre l'animo volete rinfrancare anche il corpo, visitate La Taverna, ove potrete apprezzare l'acquacotta, pane bagnato con cipolla e baccalà, la farecchiata, una pietanza che ha come ingrediente la farina di roveglia ( piselli selvatici o bastardi) con aggiunta di patate ed é molto simile alla polenta ed infine la zuppa di piselli da condire religiosamente con olio di oliva e peperoncino. La carne é rappresentata da agnello e castrato alla brace accompagnati da spinaci selvatici, saporiti ed amarognoli quel tanto che basta.Ricordano vagamente la cicorietta. Le fragole, prodotto di questa stagione, sono servite con ricotta di pecora lavorata in precedenza con un filo di miele che con quel gusto un pò salatino della ricottina sta veramente bene. Come vino, di viti a 1500 metri (1452 m.s.l.m.) non se ne vedono , ti servono dell'onesto Rosso Piceno. E' buono anche il caffè. Ah, dimenticavo il pane, fatto in casa e sa di patata. Me la sono cavata con 30 euro, mancia compresa.

    RispondiElimina
  2. Non ci sono mai stata a Castelluccio, ma mi sono sempre ripromessa di andarci! Penso che quel posto sia la dimostrazione che la campagna non sia solo utile ma anche bella da vedere. Chissà un giorno potrò godere di quei magnifici colori! :)

    RispondiElimina
  3. La foto è meravigliosa, i luoghi indimenticabili.

    RispondiElimina